Attentato a Charlie Hebdo: necessaria una reazione collettiva in difesa della libertà di pensiero e d’espressione

By 7 gennaio 2015Sociale

Esprimiamo piena solidarietà alle vittime e ai familiari dello spregevole atto terroristico compiuto oggi a Parigi, ai danni della Redazione del periodico satirico Charlie Hebdo, nel quale hanno perso la vita 12 persone e altre 8 sono rimaste ferite. L’azione di oggi rappresenta un attacco inaudito alla libertà di pensiero, di espressione e di stampa, pilastri della democrazia.
Non v’e dubbio che i responsabili di questo massacro dovranno rispondere delle loro azioni ed è necessaria la ferma condanna e la reazione di tutti coloro che credono in questi valori fondamentali.

Una mobilitazione orientata, però, a riaffermare la centralità e l’universalità della libertà di stampa e di pensiero, senza cedere a facili strumentalizzazioni della matrice dell’attentato, che porterebbero a puntare il dito contro un intera comunità religiosa. Una realtà, quella dell’Islam, molteplice e complessa, dove si intrecciano dinamiche politiche, sociali e culturali troppo spesso ricondotte e ridotte all’estremismo, per ignoranza, semplicismo o convenienza politica.

Quest’attentato chiama sicuramente in causa la capacità attuale dell’Europa e dell’Occidente tutto, di relazionarsi con  fenomeni sociali e politici complessi e stratificati, come i nostri modelli di integrazione e la marginalità sociale, o le politiche in Medio Oriente e nei Paesi del Mediterraneo.

Il rischio, a maggior ragione in un contesto di crisi e incertezza economica e sociale, è che la barbarie alimenti odio e intolleranza; per evitarlo è indispensabile uno sforzo collettivo e razionale, che attraversi tutta l’Europa, dai cittadini alle istituzioni dell’Unione, che forse più di tutti dovrebbero sentire la responsabilità di questo compito e l’urgenza di una reazione.

Invitiamo tutte e tutti domani alle 18.00 in Piazza Farnese a Roma, per una fiaccolata in solidarietà con le vittime e a difesa della libertà di espressione e di informazione.

#jesuischarlie

9 Comments