IL CNSU INCONTRA VALDITARA – NECESSARIA INVERSIONE DI ROTTA, FINANZIAMENTI SUBITO!

By 11 ottobre 2018 CNSU, Università

Il CNSU ha inaugurato la seduta di oggi incontrando il neo Capo Dipartimento del MIUR, nominato dal Ministro Bussetti, Giuseppe Valditara e il Viceministro con delega all’Università Lorenzo Fioramonti. Abbiamo esposto i principali temi che, come consiglio, abbiamo affrontato in questi anni e che – ora più che mai – riteniamo prioritari per rimettere al centro del dibattito l’Università: diritto allo studio, finanziamenti, rappresentanza, accesso all’insegnamento, dottorati e specializzazioni, voto fuorisede e internazionalizzazione.

Il Prof. Valditara sin dall’inizio ha ribadito la volontà del Ministro Bussetti di avviare da subito un percorso di confronto con le rappresentanze studentesche e l’organo ma, ancora una volta, alle parole non è stato dato un seguito: ad oggi il Ministro Bussetti non ha ancora incontrato alcuna rappresentanza studentesca se non la giovanile del suo partito, che non esprime nemmeno alcun rappresentante in CNSU.

Come gruppo dell’UDU – Unione degli Universitari in CNSU, abbiamo posto la necessità di intervenire in maniera massiccia sul finanziamento ordinario alle Università, oggi ancora lontano dal ripristinare una condizione analoga a quella antecedente i tagli della L. 133/2008, che tanti effetti distorsivi ha provocato negli ultimi dieci anni: dall’aumento della contribuzione che va a pesare sempre di più sulle spalle degli studenti, al proliferare dei numeri chiusi locali, che hanno rappresentato delle enormi barriere formali e materiali all’accesso all’università, contribuendo al calo di iscritti e laureati. Conseguenze che subiamo e che derivano da vent’anni di manovre sbagliate e di continui tagli all’istruzione, che sono andati nella direzione di smantellare l’università pubblica italiana, e dei quali l’attuale Capo Dipartimento è uno dei maggiori corresponsabili. Il CNSU ha incontrato successivamente anche il Vice Ministro Fioramonti, che ha annunciato all’organo che “il governo non ha alcuna intenzione di tagliare un euro a università e ricerca”. 

Carlo Garau, capogruppo UDU in CNSU dichiara: “Vigileremo come sempre abbiamo fatto, non ci sottrarremo al confronto e siamo pronti a prendere posizioni forti e chiare su questi temi, in difesa di una Università accessibile e davvero per tutti – aggiunge Garau – la legge di bilancio sarà il primo banco di prova per verificare che alle parole seguano i fatti. Che cambiamento sia, ma si cambi per davvero, per il sistema universitario, per il Paese. Siamo pronti a dare battaglia se le promesse non saranno mantenute.”