Ennesima intimidazione al giornalista palermitano Pino Maniaci / la solidarietà degli studenti da tutta Italia

By 8 dicembre 2014Sociale
Il 3 dicembre è avvenuto un fatto increscioso a Palermo: c’è stato l’ennesimo atto intimidatorio nei confronti di Pino Maniaci, il direttore di TeleJato che da anni è schierato contro la mafia e fa informazione in Sicilia.
Dopo che la sua auto è stata data alle fiamme, ignoti hanno impiccato i suoi due cani.
Dichiara Gianluca Scuccimarra, coordinatore Unione degli Universitari: “Pino Maniaci da qualche tempo stava denunciando il traffico di droga in una zona di Palermo e la risposta non si è fatta aspettare: colpire nel vivo la vita di una persona uccidendo i suoi cani mette in evidenza chi sono le vere bestie: i mafiosi. Da anni si susseguono atti intimidatori verso chi cerca di denunciare il marcio che quotidianamente si vede attorno ed ogni volta i responsabili non ne pagano le conseguenze. Con gli scandali degli ultimi giorni di Mafia Capitale vogliamo che si cominci con una seria lotta alla criminalità organizzata in tutta la penisola.”
Conclude Irone, portavoce Rete degli Studenti Medi: “L’attento a Maniaci, la connivenza delle persone che ne conseguirà, il fatto che se ne è parlato così poco e che oramai questi fatti sembrano quotidianità mettono in luce come la mafia sia in primis un problema culturale del nostro paese. Da anni diciamo che nelle scuole, nelle università di tutta la penisola si deve parlare di cultura della legalità, si deve insegnare il valore civile della lotta alla mafia. IN questa occasione, oltre a dimostrare pubblicamente tutta la nostra solidarietà, vogliamo lanciare una fotopetizione a sostegno di Pino Maniaci a partire proprio dalle scuole e dalle università. Per lanciare un messaggio forte, invitiamo tutti gli studenti di tutta Italia a scrivere sulle lavagne: “La mafia è una montagna di merda, siamo tutti Pino Maniaci”, parole forti che sono necessarie a lanciare un messaggio altrettanto forte.”

4 Comments