FRANCIA – Rete Studenti e UdU sulla vicenda di Leonarda: l’educazione è un diritto che deve essere garantito per tutti. L’Europa necessita di vere politiche d’integrazione

By 18 ottobre 2013Sociale

La Rete degli Studenti Medi e l’ Unione degli Universitari sono fortemente preoccupate dai fatti accaduti in Francia e sono al fianco degli studenti medi francesi che proprio in questo momento stanno occupando le scuole di Parigi per protestare contro il Ministero dell’Interno e per chiedere risposte concrete al governo sul reale svolgimento dei fatti.

Una giovane studentessa di origine kosovara, Leonarda Dibrani, è stata arrestata pochi giorni fa durante una gita scolastica e subito espulsa dal paese insieme ai genitori, in seguito al rifiuto della richiesta d’asilo.

Daniele Lanni, portavoce della Rete degli Studenti, dichiara: “Difendiamo la scuola pubblica perché questa rappresenta il luogo più importante di integrazione e protezione della nostra comunità nella vita di noi studenti. Siamo al fianco dei nostri compagni francesi: lottare per l’integrazione significa lottare per il nostro futuro.giorni fa durante una gita scolastica e subito espulsa dal paese insieme ai genitori, in seguito al rifiuto della richiesta d’asilo.

Gianluca Scuccimarra, coordinatore dell’ Unione degli Universitari afferma: “Non è accettabile quanto accaduto in Francia. L’Europa è sempre stata terra di migranti e di migrazioni. Oggi abbiamo bisogno di una politica europea più forte in grado di prevenire fatti come questi. Vogliamo un’Europa capace ancora una volta di tutelare e difendere i diritti umani, compreso il diritto all’istruzione. Per tutti.

La versione del comunicato in francese

La versione del comunicato in inglese