Legge di stabilità: in piazza a fianco degli specializzandi per rifinanziare la formazione post laurea

By 12 dicembre 2013Sociale

La Legge di Stabilità 2014 prevede un drastico sottofinanziamento del capitolo di spesa relativo ai

contratti di formazione specialistica dell’area medica e sanitaria, con la prospettiva di coprirne nel 2014 soltanto 2.500, a fronte di oltre 7000 necessarie.
Le organizzazioni di categoria dei giovani medici e specializzandi si sono mobilitate da tempo, chiedendo l’incremento del fondo, e l’equiparazione dei corsisti di Medicina Generale e degli specializzandi non medici di area sanitaria. Nonostante le petizioni e la partecipata manifestazione a Montecitorio lo scorso 7 Novembre, il testo della Legge di Stabilità passato all’esame della Camera non accoglie nessuna delle richieste, per questo è stata convocata per oggi una nuova manifestazione a Roma, davanti Montecitorio. “E’ inaccettabile” dichiara Gianluca Scuccimarra coordinatorenazionale dell’Unione degli Universitari, ”una simile riduzione delle risorse priverà, di fatto, migliaia di giovani medici della possibilità di specializzarsi, costituendo un blocco assurdo all’accesso alla professione; tanto più in un periodo di forti pensionamenti nel settore della Sanità pubblica, che soffrirà nei prossimi anni di drastiche carenze di personale”.

“L’Area medico-sanitaria prevede già dei forti sbarramenti all’accesso universitario, con questa politica sulla formazione post-laurea si condiziona ancora, e  gravemente, il futuro dei neolaureati, degli studenti, e di tutto il Sistema Sanitario Nazionale, scegliendo invece di finanziare lautamente i Policlinici privati”, continua Scuccimarra, che conclude: “l’Unione degli Universitari è di nuovo in piazza oggi affianco delle organizzazioni di rappresentanza dei giovani medici e specializzandi, al presidio organizzato davanti Montecitorio, per sostenere le loro istanze e rivendicare più finanziamenti e un trattamento omogeneo nella formazione post-laurea dell’area medico-sanitaria”.

5 Comments