Oggi Flash mob in tutta Italia per salvare il diritto allo studio

By 21 ottobre 2014Sociale

L’Unione degli Universitari sta svolgendo flash mob, azioni e volantinaggi in tutti gli Atenei, per informare gli studenti e protestare contro l’inserimento nel Patto di stabilità dei fondi per il diritto allo studio e contro i nuovi tagli alle Università previsti in Legge di Stabilità 2015.

Dichiara Gianluca Scuccimarra, coordinatore dell’Unione degli Universitari: Oggi siamo nelle università di tutta Italia con flash mob e volantinaggi per chiedere con forza al Governo di salvaguardare il Diritto allo studio ed evitare nuovi tagli alle università, già martoriate da anni. Se non si interverrà subito, modificando in fase di approvazione la conversione del Decreto “Sblocca Italia”, e trovando un nuovo accordo con le regioni per il ritiro o la copertura dei tagli per il 2014, il diritto allo nel nostro Paese rischia seriamente di scomparire. Molte regioni si troveranno nella condizione di non potere spendere i fondi statali, e di non avere risorse proprie da stanziare, Renzi non può scaricare la responsabilità solo sulle Regioni, spingendole a scegliere quale servizio essenziale tagliare,  o quali tasse alzare, perché a rimetterci saranno decine di migliaia di studenti che perderanno il Diritto allo Studio  sancito dalla Costituzione.”

Conclude Scuccimarra: “Ma il problema non è soltanto legato ad un provvedimento specifico, o all’ennesimo taglio di risorse; è la condizione complessiva degli studenti e dei giovani che non è più sostenibile, ed oggi abbiamo chiesto a studenti e studentesse di partecipare simbolicamente ad un gioco dove, al posto dei premi, ci sono le tante diverse problematiche che quotidianamente riscontriamo nella condizione studentesca, dagli affitti esorbitanti, ai lavori in nero e sottopagati, fino alla perdita della borsa di studio, il solo strumento che permette a tante e tanti di noi di poter studiare. Non possiamo permetterci ancora meno borse di studio, altri tagli ed ulteriore precarietà, e proprio per questo torneremo in Piazza a Roma il 25 Ottobre insieme ai lavoratori e alle lavoratrici, perché il nostro futuro non è un gioco.”

Clicca qui per visualizzare tutte le foto

6 Comments