Rete studenti medi e Unione degli Universitari aderiscono alla campagna “ho qualcosa da dirvi” di arcigay giovani per  il coming out day dell’11 ottobre

By 6 ottobre 2015Sociale
banner_copertina_twibbon_2L’11 ottobre è il Coming Out Day. Il Coming Out Day si è tenuto per la prima volta negli USA l’11 ottobre 1988. La data fu scelta in quanto si trattava del primo anniversario della seconda marcia nazionale su Washington per i diritti delle lesbiche e dei gay, tenutasi appunto l’11 ottobre 1987.Dichiara Alberto Irone, portavoce nazionale della Rete degli Studenti Medi:”Celebrare questa giornata è per noi molto importante, in quanto il coming out è una parte fondamentale della crescita e autodeterminazione di tanti ragazze e ragazzi delle nostre scuole e università.
Ognuno di noi ha qualcosa da dire agli altri, ma ha un valore in più la presa di coraggio e orgoglio nell’esprimere la propria identità affettiva.”

Dichiara Jacopo Dionisio, coordinatore nazionale dell’Unione degli Universitari:”Ci sono tante ragazze e ragazzi che ancora oggi hanno paura a vivere la propria identità con serenità a causa di ignoranza, stigmi sociali e omofobia. Nemici del coming out sono spesso compagni di classe o di corso, insegnanti che trattano con leggerezza e un po’ di ignoranza il tema, genitori spaventati da un mondo che spesso non conoscono.
Noi vogliamo che il coming out diventi un passaggio sempre più facilmente raggiungibile per tutti, eliminando quelle cause che portano ad avere paura di essere giudicati e quindi discriminati.”

Concludono Irone e Dionisio:” per questi motivi aderiamo e partecipiamo alla campagna di Arcigay Giovani “Ho qualcosa da dirvi”, perché crediamo che insieme possiamo diffondere una cultura volta all’accettazione di sé e dell’altro.
Diffonderemo il sito comungoutday.it per fornire a tante studentesse e tanti studenti materiali utili per affrontare il proprio coming out”.