PALACH: No alle strumentalizzazioni neofasciste!

By 19 gennaio 2019 Senza categoria, Università
PALACH: No alle strumentalizzazioni neofasciste!
Di questa giornata, nelle ultime settimane si è detto e scritto molto: al centro la figura di Jan Palach. Per questo abbiamo pensato che un riepilogo su quanto accaduto fino ad oggi sarebbe stato utile. Un’associazione con evidenti simpatie neofasciste (basti guardare i gruppi “musicali” della line up del loro evento) ha organizzato una serata di commemorazione per la figura di Jan Palach. Come se non bastasse, immediatamente la provincia di Verona, e poi il Comune, hanno dato il proprio patrocinio sotto l’egida di una fittizia “libertà di pensiero”. Sin da subito molti gruppi della città si sono mobilitati opponendosi a questa scelta, un’opposizione trasversale lanciata sia dalle istituzioni che da movimenti e associazioni. Parlamentari e consiglieri comunali tra cui Michele Bertucco e Federico Benini, il Movimento Nonviolento, Veronesi aperti al mondo, il collettivo La Sirena – Verona, l’ANPI Verona e l’ Aned Verona. Ovviamente a questa opposizione non è mancato chi cerca di elemosinare nuovi elettori moderati provando a smacchiarsi dal proprio passato di estrema destra. È il caso del nostro ex sindaco di Verona, che è saltato sul carro ribadendo come Jan Palach non sia una figura né di destra e né di sinistra. Probabilmente l’ex sindaco non sapeva cosa fosse il Socialismo dal volto umano di Alexander Dubček per il quale Jan Palach e altri 7 studenti si immolarono.
A fronte della confusione di chi cerca di strumentalizzare la ribellione al sistema sovietico di Palach, come studenti ci siamo mossi. A fronte della necessità di andare a fondo e discutere di una figura importante appartenente al mondo delle mobilitazioni studentesche e non, abbiamo organizzato l’evento di questa sera. Attenzione però: muoversi nel proprio raggio d’azione non significa farlo limitatamente. Poiché abbiamo visto che grazie a tutte le forze che hanno dato il loro sincero apporto a questa causa si è giunti poi a far ritirare al teatro Stimate lo spazio che aveva concesso a questi quattro gatti, o meglio “topi neri”. Questi hanno poi, tristemente, cercato spazio per la propria carnevalata nel parco divertimenti Movieland: rifiutati pure lì.
Grazie alla contestazione iniziale la notizia è giunta fino a Praga, dove gli studenti e studentesse della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Carlo IV hanno lanciato su change.org la “Petizione contro l’abuso dell’eredità morale di Jan Palach da parte degli estremisti italiani”, chiusasi con più di 2000 firme ( https://goo.gl/5hEaci). Petizione che abbiamo subito firmato e da cui abbiamo tratto ispirazione per la linea grafica del nostro evento. Abbiamo quindi contattato la comunità di Studentská rada FF UK, capendo come si potesse portare una loro testimonianza attiva nella nostra città: questa sera proietteremo il loro video di supporto (https://goo.gl/7yppSk)!
Stiamo vivendo, come spesso accade nella città di Verona, un panorama politico piuttosto complesso, che vede i soliti noti dell’estrema destra sputare sulla memoria storica. Ma c’è chi non cede a queste futili e ridicole strumentalizzazioni. In quanto Rete degli Studenti Medi Verona e Studenti Per – Accademia di Belle Arti Verona non potevamo rimanere in silenzio, e quindi eccoci qui oggi con questa nostra assemblea, nello spazio offertoci dall’ANPI Verona.
Interverrà questa sera anche Andrea Martini, ricercatore dell’ Istituto veronese per la storia della Resistenza e dell’età…, che fornirà degli spunti di riflessione per calarci meglio nel merito del dibattito storico.
Non mancate, vi aspettiamo al caldo di una discussione collettiva!